cerca

iscriviti
logo

XVI edizione I Colloqui Fiorentini

Home > I Colloqui fiorentini

Vincitori

Gabriele D'Annunzio
"Ah perchè non è infinito come il desiderio, il potere umano?"

SEZIONE TESINE – TRIENNIO
Presidente di Giuria: Prof. Edoardo Rialti, Comitato Didattico Colloqui fiorentini

Primo Classificato
MOTIVAZIONE: Le parole del poeta, le esperienze da lui vissute e comunicate, sono state prese profondamente sul serio da questo elaborato, capace di dare dettagliata e suggestiva ragione del suo perenne "Mordere tutto, qua è là..." E questa serietà si fa anche capacità di paragone serrato con altre voci ed intuizioni della grande arte, così da mettere veramente a fuoco le opzioni che si schiudono al cuore del poeta, e di tutti noi.

Titolo: Egli abbraccia tutto, egli vorrebbe sempre essere pervaso. Il desiderio di totalità nell'opera di D'Annunzio

Studenti: Annalisa Marzocchi, Sara Rinaldi della classe V BS del Liceo scientifico "Marcello Malpighi" di Bologna
Docente Referente: Sabina Gerardi
VEDI FOTO

Secondo Classificato
MOTIVAZIONE: Si può davvero camminare con un autore, guardare con lui, ascoltarlo e interrogarlo. questa tesina, che combina in modo così coinvolgente un circostanza attuale con costanti e originali paragoni critici, perchè profondamente personali, ne è la godibilissima prova, che invita a fare altrettanto. Viene voglia di tornare a leggere, e viaggiare.

Titolo: "La mia via sarà dovunque e non nel medio limite". L'irresistibile tentazione del "Vivere illimitabile"

Studenti: Marta Beghella Bartoli, Ylenia Ferraioli, Camilla Marini, Carmine Valenza della classe 3 BQx del Liceo Ginnasio di Stato "Carlo Rinaldini" di Ancona
Docente referente: Ilaria Sebastiani
VEDI FOTO

Terzo Classificato
MOTIVAZIONE: Un'analisi ricca, dettagliata, matura della perpetua caccia dannunziana a quel "qualcosa che non si possiede, ma che si tende ad avere", quei bisogni che sono sapientemente identificati, in ascolto attento alle parole, alle immagini, ai personaggi, come "alti", e alla perenne possibilità di confonderli con le frustranti illusioni di uno ripiegato su di se.

Titolo: Il cerchio fatale

Studenti: Claudia Chiricozzi, Laura Moretti, Margherita Parlani, Fabiana Pellegrini, Luisa Sandoletti delle classi I e II B classico del Liceo ginnasio "Mariano Buratti" di Viterbo
Docente Referente Gianluca Zappa
VEDI FOTO

Menzione d'Onore
Titolo: Chi mette sé nel turbo delle sorti
Studenti: Emma Paladino, Rebecca Pistola, Beatrice Totti della classe IV CM del Liceo Ginnasio di Stato "Carlo Rinaldini" di Ancona
Docente Referente Ilaria Sebastiani

Menzione d'Onore
Titolo:E non il Dio è in me?
Studenti: Eleonora Di Felice, Giovanni Silvestri, Giacomo Cinque, Greta Stasi della classe V E del Liceo Classico "Ugo Foscolo" di Albano Laziale (RM)
Docente referente: Anna Valeri

Menzione d'Onore
Titolo: Il vincitore è solo
Studenti: Lucrezia Fagiolo, Giordana Lenzo, Giuditta Maselli, Federica Massafra, Alice Rossi della classe V 5 E del Liceo Classico "Ugo Foscolo" di Albano Laziale (RM)
Docente referente: Anna Valeri


SEZIONE TESINE – BIENNIO
Presidente di Giuria: Prof. Edoardo Rialti, Comitato Didattico Colloqui fiorentini

Primo Classificato
MOTIVAZIONE: Un percorso critico fortemente personale, che letteralmente si mette ad "auscultare" le parole, le immagini dello scrittore, palesando con grande ricchezza di spunti il tortuoso dibattito interiore tra le dinamiche dell' haberi e il non haberi.

Titolo: Gioia dei sensi – nausea dei sensi

Studenti: Matteo Corti, Giovanni Del Punta, Francesco Facchinetti, Francesco Salutini, Camilla Signoretta, della classe I del Liceo Scientifico Santa Caterina di Pisa
Docente referente: Maria Cristina Annoni Bartalena
VEDI FOTO

Secondo Classificato
MOTIVAZIONE: Focalizzandosi con precisione soprattutto su un' opera dannunziana, la tesina è stata in grado cogliere ed additare aspetti niente affatto scontati dell'animo dell'autore, e come dentro e oltre l'edonista, si celino il tormento e le domande di un'anima inappagata.

Titolo: D'Annunzio: la sfida dell'oltre

Studenti: Ilaria Caccavale, Chiara Lavitola, Lorenza Lupo della classe II E del Liceo Classico "Ugo Foscolo" di Albano Laziale (RM)
Docente referente Maria Cristina Azzini
VEDI FOTO

Terzo Classificato
MOTIVAZIONE: Le parole di D'Annunzio e la sua costante ricerca del nuovo sono oggetto di profonda attenzione in questo elaborato, capace persino di raffronti interessanti con voci più recenti della canzone d'autore italiana. Una capacità di nessi che palesa come chi scrive abbia non solo letto D'Annunzio, ma abbia provato a guardare assieme a lui.

Titolo: La mia anima visse come diecimila

Studenti: Lara D'Ovidio, Laura Di Ceglia, Maria Antonietta Minissale, Arianna Polidori, Greta Ronchi della Classe II CSU dell'Istituto Magistrale "Erasmo da Rotterdam" di Sesto San Giovanni (MI)
Docente Referente: Daniela Rosati
VEDI FOTO

Menzione d'Onore
Titolo Maia = Beatrice
Studente: Beatrice Tocci della Classe II A del Liceo Ugo Foscolo di Albano Laziale (RM)
Docente referente: Anna Valeri

Menzione d'Onore
Titolo Tutto scorre
Studenti: Agata Drago, Safae Nour el Hadi, Luna Picello, Anna Romagnosi, Anna Telo della classe II BLC del. Liceo Classico "Albert Einstein" di Piove di Sacco (Padova)
Docente Referente: Sabrina Bordin

Menzione d'Onore
Titolo Ricercando il mio silenzio, non trovavo se non la mia musica
Studenti: Chiara Candelora, Christian Capezzone, Nicolò Giangrande, Miriam Mascioli delle classi I e II A del Istituto Paritario "San Benedetto" di Cassino (FR)
Docente referente Diego Picano


SEZIONE NARRATIVA
Presidente di Giuria: Gino Tellini, Università di Firenze

Primo Classificato
MOTIVAZIONE: Il racconto si segnala per la naturalezza della scrittura, che può sembrare un merito non particolare, e invece è un merito particolarissimo, perché quando si scrive si cade un po' tutti, sempre, nel convenzionale e nell'artefatto. Allegra, l'io narrante femminile che parla di sé in prima persona, adolescente grassa che porta a spasso a suoi «settantacinque chili e mezzo di infelicità», è personaggio ben caratterizzato e dotato, nonostante tutto, di autoironia, che è dote rara quanto preziosa.

Titolo E tu rispondi, se puoi…

Studente: Sidney Fontana della classe III BSU del Liceo delle Scienze Umane "Albert Einstein" di Piove di Sacco (Padova)
Docente referente: Cristina Vallebona
VEDI FOTO

Secondo Classificato
MOTIVAZIONE: L'io che racconta e che parla di sé in prima persona va al di là delle abituali confessioni impudicamente private e narcisistiche che interessano soltanto chi le scrive. Riesce invece a disegnare un autoritratto che si profila come personaggio per più aspetti autonomo, con connotati anche originali, su uno sfondo battuto quasi sempre dalla pioggia. Il carattere che ne emerge si distingue per il fatto di essere tratteggiato criticamente, con scarsa simpatia, fino all'epilogo non lieto, ben intonato al quadro d'insieme.

Titolo Quarant'anni di solitudine. Il senso della vita

Studente Maria Rosaria Buonafine della classe V G del Liceo Scientifico "Monsignor Bartolomeo Mangino" di Pagani (Salerno)
Docente referente: Prof. Rocco Di Benedetto
VEDI FOTO

Terzo Classificato
MOTIVAZIONE: Il racconto ha il merito di saper disegnare un esteta, su uno sfondo estetizzante, e al tempo stesso ha anche il merito di saperne prendere le distanze. In questo modo viene confermata l'osservazione di Eugenio Montale, quando afferma che D'Annunzio bisogna «attraversarlo», ovvero è necessario conoscerlo, ma senza restarne prigionieri.

Titolo La vita che ci animava non era cosa d'altri

Studente Sara Dameno della classe V C del Liceo Classico "Marco Tullio Cicerone" di Sala Consilina (SA)
Docente referente: prof. ssa Annamaria Colucci
VEDI FOTO

Menzione d'Onore
Titolo La riscoperta del piacere di vivere
Studente Lucia La Femina della classe V A del Liceo Scientifico Statale "Monsignor Bartolomeo Mangino" di Pagani (Salerno)
Docente Referente: prof. Rocco Di Benedetto


SEZIONE ARTE
Presidente di giuria Prof.ssa Elena Pontiggia, Accademia di Brera, Milano

Primo Classificato
Motivazione: Si tratta di un elaborato che dà un'idea efficace della Belle Epoque, sfondo di certe opere di D'Annunzio, e lega bene elementi linearistici e figurativi, con gradevolezza compositiva e cromatica.

Titolo: Passione, desiderio e libertà

Studenti: Francesca Leuti della classe V D del Liceo Ginnasio Statale "Ugo Foscolo" di Albano Laziale (RM)
Docente referente: Prof.ssa Giuseppina Febbraro
VEDI FOTO

Secondo Classificato
Motivazione: Un efficace ritratto del poeta, che con l'asciutto bianco e nero e la sintesi del disegno denota anche una conoscenza aggiornata di alcuni esiti della ricerca pittorica contemporanea.

Titolo: Poeta, guerriero, amante

Studenti: Chiara Abed, Alessia Manica, Alessia Nappo, Maria Scialò, Melania Spatresano della classe III E dell' I.S.I.S.S. "Agostino Nifo", Liceo Scientifico "Ettore Majorana" di Sessa Aurunca (CE)
Docente referente: prof.ssa Rina Boccino
VEDI FOTO

Terzo Classificato
Motivazione: Apprezzabile traduzione in caricatura dell'immagine del poeta, ottenuta attraverso un sapiente uso del segno e una altrettanto interessante tensione ritmica della composizione.

Titolo: Il volo di un superuomo

StudentI: Luigi Aniello, Anna Capezzuto, Annarita Razzino, Gioacchino Sarno, Marta Ventre della classe II D dell' I.S.I.S.S. "Agostino Nifo", Liceo Scientifico "Ettore Majorana" di Sessa Aurunca (CE)
Docente referente: prof.ssa Rina Boccino
VEDI FOTO

Menzione d'Onore
Motivazione: La composizione sfrutta attentamente le possibilità del colore, evocando i cromatismi della bandiera italiana (simbolo dell'amor patrio di D'Annunzio): verde, rosso e, al centro, il bianco sostituito dall'immagine stessa del poeta.

Titolo: Tra due vite

Studente: Lavinia Arabella Hart della Classe I del Liceo Classico Europeo "S. Maria degli Angeli" di Firenze
Docente referente: Prof.ssa Debora Sagrazzini

Menzione d'Onore
Motivazione: Si segnala in questo lavoro la capacità di ricreare col mezzo fotografico volti, luoghi, atmosfere dell'opera dannunziana, alternando validamente il ritratto al tableau-vivant.

Titolo: Il sogno eguagliò lo (sc)atto

Studenti: Jennifer Di Sante della classe V Liceo Scientifico dell'Istituto "Nostra Signora" di Pescara
Docente referente: Prof. Vincenzo Narciso

Menzione d'Onore
Motivazione: Buona composizione grafica che si ispira da un lato alle tavole parolibere futuriste, dall'altro la decoratività popolare, amalgamando bene diversi elementi materici.

Titolo: Dinnanzi D'Annunzio

Studente: Chiara Vitali della classe V A del IIS "Leonardo Da Vinci" di Civitanova Marche (MC)
Docente referente: Prof.ssa Maria Antonietta La Donna

pulsante_contattaci

Copyright 2008 - Diesse Firenze - Via Nomellini 9 - 50142 - Firenze (FI)

Cookies e Policy | Privacy | Credits