cerca

iscriviti
logo

XI edizione Le Vie d'Europa

Home > Le Vie d'Europa

Vincitori

III edizione, 2009
R. L. Stevenson "Dove ci porterà il mare... quale avventura seguendo una stella?"

SEZIONE TESINA
Presidente di giuria: Prof. Vincenzo Bugliani

Il doppio nell'opera di Stevenson
di Carolina Vannini, Giulia Berti
Classe II A dell'Istituto Comprensivo S.Piero a Sieve e Vaglia

MOTIVAZIONE: L'accurata e dettagliata analisi del personaggio del pirata Long John Silver non è fine a se stessa, ma riesce a mettere ben in evidenza la tematica del bene e del male che combattono, con infinite sfumature, talvolta confuse nel cuore dell'uomo; tematica centrale di tutta la produzione di Stevenson, in particolare de Lo Strano Caso del Dr. Jekyll e Mr Hyde, cui in conclusione la tesina fa esplicito riferimento.
VEDI FOTO

Indagine su Jekyll e Hyde
di Luca Penserini, Marco Corrucci, Giulio Gabellino, Xevdet Allkani
Classe III D dell'Istituto Comprensivo "Gianfranco Gaudiano" Pesaro

MOTIVAZIONE: Il procedimento a domanda e risposta permette alla tesina di sviluppare la sua ipotesi interpretativa in modo molto chiari ed efficace: l'uomo desidera il bene, ma è attratto irresistibilmente dal male. Particolarmente efficace la conclusione che non conclude, ma rilancia la domanda a partire da una posizione di giudizio assunta personalmente.
VEDI FOTO

Anche se brancoliamo un poco qui nel buio
di Emiliano Aliberti, Serena Brunone, Marco Monaci, Camilla Zocchi
Classe III A della Scuola Media "Madonna delle Grazie" Grosseto

MOTIVAZIONE: Summer Night e ne assume l'andamento lirico ed evocativo, riuscendo nel contempo a esporre in modo chiaro ed efficace, in paragone con il racconto Markheim, il drammatico e meraviglioso tema della libertà come liberazione e redenzione.
VEDI FOTO

MENZIONI SPECIALI

- Il contrasto bene e male nell'opera di R.L. Stevenson
di Beatrice Ariani
Classe II A della Scuola Media "S. Giuseppe dell'Apparizione" Firenze

MOTIVAZIONE: La tesina enuclea in modo efficace la questione del bene e del male nel racconto dello Strano caso del Dr Kekyll e Mr Hyde e ne fa un ottimo paragone con il racconto Markheim, individuandone l'idenità della posizione di partenza, ma sottolineando la svolta che in quest'ultimo racconto porta il protagonista ad un esisto esistenziale affatto diverso: l'assunzione di responsabilità di Markheim, contraposta al suicidio del Dr. Jekyll. Riguardo all'Isola del Tesoro e a La reccia nera rileva in maniera acuta il lungo cammino dei due protagonisti, Jim Hawkins e Dick Shelton per riconoscere e sceglere il bene nella complessità della vita reale.

- Tusitala dell'animo umano
di Laura Bacchiega
Classe II A della Scuola Media "S. Giuseppe dell'Apparizione" Firenze

MOTIVAZIONE: Riesce in modo sintetico e semplice ad evidenziare e ben comunicare la complessità e varietà delle opere di Stevenson, cogliendo la ricchezza delle sfumature umane dei vari personaggi e la loro capacità di esprimere aspetti interiori di ogni uomo, quindi indicando la contemporaneità di Stevenson con il lettore, in particolare per quanto riguarda l'eterna lotta tra il bene e il male.

SEZIONE INGLESE
Presidente di giuria: Dott.ssa Vanessa Hallsmith

Stevenson's Inspiration
di Alessandro Mazzalupo
Classe III C della Scuola Media "Piero della Francesca – Firenze

MOTIVAZIONE: Un buon tratto narrativo con controllo del tono e del dialogo. Meditata trattazione dei temi presenti in Stevenson. Mostra sensibilità e piena comprensione, è creativo, fantasioso e raffinato. Un forte senso del luogo e dell'idea del viaggio a vari livelli.
VEDI FOTO

2º ex aequo The Strange Relationship Between Dr. Jekyll and Mr. Hyde
di Umberto Baini, Tommaso Campelli, Veronica Orlandi, Filippo Turetta
Classe III A della Scuola Media "Sacra Famiglia" – Cremona

MOTIVAZIONE: Buon uso del linguaggio, anche figurato. Indaga bene sul tema della dualità. Un forte tono drammatico, anche se leggermente discontinuo, e un'intensità frutto della focalizzazione di un preciso momento.
VEDI FOTO

2º ex aequo Bad and Good
di Hortensia Teran, Sara Bacchetti, Giada Tamburini, Samuele Petrarca, Tommaso Cappuccini
Classe III E dell'Istituto Comprensivo " Ghiberti" – Firenze

MOTIVAZIONE: Un'interessante riflessione su Jekyll e Hyde con un uso creativo della storia. Buon controllo narrativo. La dualità è indagata con un percorso originale.
VEDI FOTO

Hispaniola's adventures
di Beatrice Ariani, Agnese Giannini, Niccolò Medica, Giada Pinzauti, Irene Krieger
Classe II A della Scuola Media "S.Giuseppe dell'Apparizione" – Firenze

MOTIVAZIONE: Con un'idea assai originale e ben sviluppata e con un inglese davvero chiaro ed accurato, che sicuramente sarebbe piaciuta molto allo stesso Stevenson, le avventure dell'Isola del Tesoro vengono rinarrate da un'inaspettata nuova prospettiva, quella di una loro protagonista tanto fondamentale quanto silenziosa: la nave Hispaniola che ci fa reincontrare i personaggi e la vicenda così come questi sono stati visti e vissuti da lei. Davvero un bel modo di rivivere e riraccontare l'avvenuta.
VEDI FOTO

MENZIONI SPECIALI

- Travel
di Maddalena Magnani, Elena Mascii, Ilaria Grassi, Claudia Mazzanti, Elena Norfini
Classe II A della Scuola Media "S.Giuseppe dell'Apparizione" – Firenze
MOTIVAZIONE: Una canzone che in tre strofe ripercorre in un inglese limpido, tre diversi testi di Stevenson, di cui in pochi versi coglie aspetti e tematiche fondamentali. L'isola del tesoro, Dottor Jekyll, La Freccia Nera compaiono come in un lampo davanti ai nostri occhi, con grande efficacia e suggestione.

- Under the Wide and Starry sky
di Lorenzo Bottino, Andrea Sala, Gaia Dolfi, Giulio Cerri, Guido Lazzerini
Classe II B dell'Istituto Comprensivo " Ghiberti" – Firenze

MOTIVAZIONE: Con semplicità di linguaggio si è rielaborato lo Stevenson poeta dei versi per bambini, riproponendone l'ambientazione e trasferendo in metafore poetiche le esperienze quotidiane.

- The sunset
di Elisabetta Aloise, Irene Biondi, Irene Rauso, Camilla Cheloni, Miriam Paparo
Classe II B dell'Istituto Comprensivo " Ghiberti" – Firenze

MOTIVAZIONE: Una canzone che ricorda in maniera limpida e verosimile le dolenti e speranzose ballate di un racconto di Stevenson. Con un inglese ben espresso e chiaro la canzone si immedesima assai bene con le tematiche e le atmosfere di certi racconti dell'autore scozzese, e non sarebbe sfigurata in bocca ad un suo personaggio.

SEZIONE RACCONTO
Presidente di giuria: Prof. Vincenzo Bugliani

L'eredità di una chiave
di Francesca Pizzi, Ilaria Gasperoni, Federica Remor, Sabrina Colaci
Classe II A della Fondazione del Sacro Cuore- Cesena (FC)

MOTIVAZIONE: Riesce a ricreare l'atmosfera di mistero e di attesa che riempie alcuni luoghi o circostanze, tanto presente nelle opere di Stevenson. La ricerca del tesoro coincide poi per il protagonista con la scoperta di sè, delle proprie origini e con il riappropriarsi del bene più prezioso: l'amore del padre.
VEDI FOTO

Le radici del destino
di Jacopo Calzoni, Riccardo Consalici, Giacomo Mazzotti, Alberto Vallone, Tommaso Zoffoli
Classe II B della Fondazione del Sacro Cuore- Cesena (FC)

MOTIVAZIONE: Una storia di avventura, una rocambolesca caccia al tesoro, ben congegnata e narrata. Si distingue per la salda padronanza linguistica e la grande ricchezza lessicale, che solo talvolta rischia di diventare un po' troppo ingombrante. La conquista del tesoro coincide anche con un viaggio alla scoperta delle proprie origini.
VEDI FOTO

Dal diario segretissimo di Ben Gunn, ...
di Giacomo Brunelli, Eleonora Gioli
Classe II A dell'Istituto Comprensivo S.Piero a Sieve e Vaglia

MOTIVAZIONE: Molto efficace nella resa del linguaggio piratesco, mantiene la natura frizzante e surreale del personaggio di Ben Gunn, ancorato ai valori intramontabili del pirata, quali una buona bottiglia di rhum ed un luccicante bottino, ma capace di provar simpatia per la bontà del cuore e schierarsi dalla sua parte.
VEDI FOTO

MENZIONI SPECIALI

- Il mistero dell'isola
di Giorgia Lolli, Sara Jessica Sassi, Rossella Pugliano, Simona Di Gennaro, Cristian Nocera
Classe II F della Scuola Media "Sandro Pertini" - Reggio Emilia

MOTIVAZIONE: La storia, ben congegnata, si distingue per la forza immaginativa e poetica della narrazione che la accomuna alla prosa di Stevenson, anche se non ne possiede la componente di concretezza e realismo.

- Punti di vista
di Andrea Gori, Fabio Pucci, Marco Sguanci, Mattia Terzani, Francesco Zammarchi
Classe II E della Scuola Media "Leonardo da Vinci" – Lastra a Signa

MOTIVAZIONE: Interessante, originale, truce e freddo: la semplice, amorale narrazione dei fatti che pongono il lettore dinanzi alle possibilità perverse di un uso sbagliato della libertà da parte dell'uomo.

- L'isola del Tesoro scritta con pensieri d'oro
di Matteo Capecchi, Simone Pieri, Lorenzo Sordi
Classe II A dell'Istituto Comprensivo S.Piero a Sieve e Vaglia

MOTIVAZIONE: Non originale, in quanto riprende la trama dell'Isola del Tesoro, si distingue per la composizione in rima non banale ed a tratti piena di ritmo, poesia e di felici soluzioni linguistiche.

- Il sogno di Robert
di Carlo Maria Ferlini, Federico Moretti, Sofia Todesca
Classe II B della Scuola Media "Felice Casorati" – Pavia

MOTIVAZIONE: Più pirandelliano che stevensoniano, ma originale, ben scritto e divertente, si incentra sull'idea che Stevenson nela sua lunga lotta contro la tisi, durata per tutta la vita, abbia trovato anche nelle avvenure dei suoi personaggi una ragione per continuare a vivere e una missione da compiere.

SEZIONE ARTE
Presidente di giuria: Americo Mazzotta, pittore

The strange case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde
di Davide Andalò, Edoardo Lomi, Elisa Pancioni, Giulia Pellicciari, Veronica Rocchi
Classe III - Scuola Media "Malpighi" – Bologna

MOTIVAZIONE: Il lavoro si configura come un vero e proprio progetto per la capacità simbolica che porta a individuare il segno efficace rispetto al tema, unendo apparato simbolico, espressività, capacità di racconto, qualità del segno, elaborazione grafica. Se ne raccomanda la pubblicazione, poiché ha il valore di una reale operazione artistica.
VEDI FOTO

Il dr. Livesey sull'isola
di Francesca Corti
Classe II B dell'Istituto Comprensivo "Don Milani"Tavarnelle Val di Pesa

MOTIVAZIONE: Ritratto espressivamente sicuro, capace di rendere "quel" tempo e "quello" spazio, con piccoli suggerimenti: barca, pipa, cappello. Crea efficacemente l'atmosfera e dà l'idea di essere stato dipinto da uno che ha partecipato all'impresa.
VEDI FOTO

3º ex aequo (Senza titolo)
di Beatrice Ariani, Agnese Giannini, Niccolò Medica, Teresa Paoli
Classe II A della Scuola Media "S. Giuseppe dell'Apparizione" – Firenze

MOTIVAZIONE: Il disegno si segnala per l'originalità dell'invenzione grafica; semplice ed efficace, con pochi tratti è in grado di rendere affettività, attesa e letizia dell'evento.
VEDI FOTO

3º ex aequo (Senza titolo)
di Riccardo Righi
Classe III C della Scuola Media "Dante Alighieri" – Rio Saliceto (RE)

MOTIVAZIONE: Il disegno è ben eseguito da un punto di vista tecnico ed è espresso con maestria e capacità grafica di ottimo livello, ben correlata al tema trattato. Si presta ad essere la copertina di un libro.

MENZIONI SPECIALI

- La freccia nera
di tutti gli studenti
Classe III F della Scuola Media "Beato Angelico" – Firenze

MOTIVAZIONE: Lavoro interdisciplinare di insieme che reinterpreta Stevenson, utilizzando il linguaggio di noti fumetti.

- Gioco, i giochi di Stevenson
di Priscilla Sclavi, Alex Kalashnikov, Bianca Traverso, Leila Renati, Alessia Laratonda
Scuola Media "Felice Casorati" – Pavia

MOTIVAZIONE: Riconoscimento ad un lavoro di classe che approccia e utilizza simboli e segni, creandone di originali, per tentare conoscenza di sé e instaurare confronti tra diverse visioni dell'uomo. Il tutto sotto forma di giuoco.

- I Volti, doppie vite, doppie personalità
di Samuele Maggi, Giovanni Accalai, Michela Paletti, Paolo Paletti, Krystyna Hauka
Scuola Media "Felice Casorati" – Pavia

MOTIVAZIONE: Riconoscimento ad un lavoro di classe che approccia e utilizza simboli e segni, creandone di originali, per tentare conoscenza di sé e instaurare confronti tra diverse visioni dell'uomo. Il tutto sotto forma di giuoco.

- Movie, Stevenson in città futuristica
di Edoardo Burati, Mattia Morato, Federico Quagliaroli, Andrea Aresi, Irene Affini
Scuola Media "Felice Casorati" – Pavia

MOTIVAZIONE: Riconoscimento ad un lavoro di classe che approccia e utilizza simboli e segni, creandone di originali, per tentare conoscenza di sé e instaurare confronti tra diverse visioni dell'uomo. Il tutto sotto forma di giuoco.

- Gioco dell'oca "L'isola del tesoro": Jim e la sua avventura
di Hanna Johannes, Shkalla Dejnuda, Francesca Nicoli, Martina Paganuzzi, Martina Trolli
Classe II A della Scuola Media "Agostino Chieppi" – Parma

MOTIVAZIONE: Si segnala il lavoro per l'estrosità e la capacità di trasformare in giuoco un percorso didattico.

- La mappa del tesoro
di Federico Vassanelli
Classe III B della Scuola Media "Piero della Francesca" – Firenze

MOTIVAZIONE: Lavoro eseguito con pirografo, tecnica difficile, che fa memoria di antiche carte che si sarebbero potute trovare in vecchie soffitte.

- Senza volto
di Alessandro Cossu
Classe III C della Scuola Media "Piero della Francesca" – Firenze

MOTIVAZIONE: L'elaborato, volutamente monocromo, appare ben studiato nelle pennellate semplici, ma efficaci.

- Ombra scura
di Chiara Mecherini
Classe III C della Scuola Media "Piero della Francesca" – Firenze

MOTIVAZIONE: Disegno espressivo che ricorda Miró e si rende interessante per la tecnica a macchia utilizzata.

- (Senza titolo)
di Maddalena Magnani, Elena Norfini, Claudia Mazzanti
Classe II A della Scuola Media "S. Giuseppe dell'Apparizione" – Firenze

MOTIVAZIONE: Disegno in cui è ben espressa l'ambiguità e che, pur essendo minimale nel tratto, rende efficacemente l'idea.

- Vetrata Metamorfosi
di Sara Alvergna, Maria Chiodelli, Maria Chiara Galli
Classe III B della Scuola Media "Sacra Famiglia" – Cremona

MOTIVAZIONE: L'elaborato si fa apprezzare per la tecnica che rende efficacemente il racconto e si presta ad essere utilizzato come manifesto.

- (Senza titolo)
di Gianluca Morozzi, Alice Caverni, Camilla Dardanelli
Classe II A della Scuola Media "Ghiberti" – Firenze

MOTIVAZIONE: Degne di riconoscimento la fantasia, la laboriosità, l'immediatezza implicate nella elaborazione del plastico.

- Diorama – Isola del tesoro
di Claudia Cerretelli, Romina Duro, Roberta La Barca, Mirko Lanzilotti, Emma Munaò
Classe IIE della Scuola Media "Leonardo da Vinci" – Lastra a Signa

MOTIVAZIONE: Degne di riconoscimento la fantasia, la laboriosità, l'immediatezza implicate nella elaborazione del plastico.

- (Senza titolo)
di Maria Cristina Denaro, Antonina Resina, Salvatore Cavallaro, Giuseppe Cuscunà, Daniela Munzi
Classi II e III della Scuola Media "Sant'Orsola" – Catania

MOTIVAZIONE: L'elaborato, di vaste proporzioni, si fa apprezzare per la sapiente ricerca dei materiali più originali, assemblati in una composizione di grande respiro in grado di rendere la migliore tradizione barocca del clima culturale siciliano.

- (Senza titolo)
di Antonio Musciagli, Stefano Bossi
Classe II B della Scuola Media "Massimiliano Kolbe" – Legnano

MOTIVAZIONE: Buon disegno, immediato, che rivela una mano dotata. Esiti ancor più efficaci si sarebbero potuti rilevare nel disegno dal vivo e/o in una prosecuzione ulteriore del lavoro stesso.

- (Senza titolo)
di Tommaso Lucarelli, Armand Hoxha
Classe II B dell'Istituto Comprensivo S.Piero a Sieve e Vaglia

MOTIVAZIONE: L'elaborato si fa apprezzare per la tecnica che rende efficacemente il racconto e si presta ad essere utilizzato come manifesto.

- Il veliero
di Le Cong
Classe III C della Scuola Media "Piero della Francesca" – Firenze

MOTIVAZIONE: Il disegno rende bene il fantastico e l'immaginario, per tratto e colori, restituendo un'idea di favola.

pulsante_iscrizioni pulsante_contattaci

Copyright 2008 - Diesse Firenze - Via Nomellini 9 - 50142 - Firenze (FI)

Cookies e Policy | Privacy | Credits