Presentazione

Da un avvenimento una storia

Una compagnia di insegnanti all’opera 

I Colloqui Fiorentini ripercorrono, anno dopo anno, i maggiori autori della letteratura italiana. Il titolo “Nihil alienum” è tratto dall’opera dell’autore latino Terenzio “Heautontimoroùmenos”, v. 77: “Homo sum: humani nihil a me alienum puto” (Sono un uomo: nulla di ciò che è umano mi è estraneo).

Esso vuol significare l’interesse e la passione che ci muove come insegnanti per l’uomo e la sua avventura, interesse e passione che vogliamo comunicare ai giovani senza censure, né pregiudizi, né schematismi. Quello proposto è un percorso che prevede momenti propedeutici e di lavoro da svolgere in classe, che trovano la loro naturale e imprescindibile conclusione nei tre giorni del Convegno.

Il Convegno vuole offrirsi alla scuola come strumento ed occasione di incremento e innovazione dell’attività didattica svolta dagli insegnanti, presentandosi, per essi, come un vero e proprio corso di aggiornamento di alto livello culturale e per gli studenti della scuola secondaria superiore come occasione di promozione e valorizzazione della loro capacità di elaborazione dei contenuti culturali studiati e delle loro capacità espressive.

È l’esperienza di una novità, fatta di tempi, luoghi, persone precise, identificabili, incontrabili, praticabili.

Sentiamo come compito nostro quello di rompere una prospettiva culturale astratta per andare incontro all’uomo; portare un’idea di cultura che ha a che fare anche col mangiare e col bere, oltre che con lo studiare o l’insegnare, perché ha a che fare con l’uomo intero. Il tutto esiste prima delle parti, come afferma Henri Bergson.

Specificando ulteriormente il nostro compito: intendiamo sperimentare qualcosa che non è conseguenza di una teoria, ma che è la radice della teoria, in quanto è un gesto di unità vitale.

 

Direttore del Convegno

Prof. Pietro Baroni, docente di scuola secondaria di secondo grado, Firenze

Comitato Scientifico

Prof. Marino Biondi, Università di Firenze
Prof. Andrea Caspani, Direttore rivista «LineaTempo», Milano
Prof. Sergio Cristaldi, Università di Catania
Prof. Carmine Di Martino, Università di Milano
Prof. Costantino Esposito, Università di Bari
Prof. Pietro Gibellini Università di Venezia
Prof.ssa Elena Landoni, Università Cattolica, Milano
Prof. Giovanni Maddalena, Università del Molise
Prof. Ermanno Paccagnini, Università Cattolica, Brescia
Prof.ssa Elena Pontiggia, Accademia di Brera, Milano
Prof. Davide Rondoni, Università di Bologna
Prof. Gino Tellini, Università di Firenze

Comitato Didattico

Annibali Francesco, Roma

Aprili Sara, Grosseto

Baroni Gilberto, Firenze

Bartolini Domenico, Civitanova Marche

Berardi Maurizia, Assisi

Bianchi Michele, Carrara

Boledi Giulio, Piacenza

Brogi Chiara, Grosseto

Cafferata Laura, Chiavari

Camanzi Sara, Rimini

Capasa Valerio, Bari

Carli Roberto, Prato

Carolla Pia, Roma

Cometto Francesca, Firenze

Del Giudice Giulia, Genova

Fabbri Iolanda Maria, Albano Laziale

Fratarcangeli Paolo, Velletri

Galizia Mariantonietta, Nuoro

Genchi Maria Elena, Grosseto

Gucciardo Rosanna, Gavirate

Lasalandra Carmen, Chiavari

Magnani Laura, Rimini

Manieri Raffaella, Rimini

Maraviglia Cristina, Civitanova Marche

Meccarelli Barbara, Civitanova Marche

Minucci Cristina, Firenze

Narciso Vincenzo, Pescara

Nasta Donatella, Sessa Aurunca

Pagetti Elena, Pavia

Pagni Fedi Tommaso, Firenze

Patrizi Patrizia, Civitanova Marche

Petrarolo Emiliana, Terracina

Picano Diego, Roma

Pozzi Luca, Milano

Riccobelli Silvia, Civitanova Marche

Rinarelli Monica, Milano

Sasso Maria, Sessa Aurunca

Spatola Maria, Adro

Ungar Filippo, Firenze

Valeri Anna, Roma

Vallebona Cristina, Padova

Zappa Gianluca, Viterbo